La legge fallimentare


Quadro di sintesi



L’art. 5 comma 2 R.D. del 16 marzo 1942, n. 267, così come modificato nel tempo, definisce che: Lo «stato d'insolvenza» si manifesta con inadempimenti od altri fatti esteriori, i quali dimostrino che il debitore non è più in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni. Per stato di insolvenza si intende, pertanto, la situazione in cui un imprenditore, non è in grado di onorare regolarmente le proprie obbligazioni, con mezzi normali di pagamento, tale insolvenza non si manifesta nel giro di pochi mesi, ma si sviluppa progressivamente attraverso una fase, più o meno lunga, denominata crisi. E’ necessario, prima di attuare un qualsiasi risanamento, valutare se la crisi in atto è sanabile e reversibile o meno; quindi parliamo di:

  • CRISI SANABILE quando nell’impresa è presente un “potenziale aziendale” che, pur deteriorato, risulta recuperabile o riconvertibile. In concreto ciò significa che l’impresa che al momento non è in grado di soddisfare regolarmente i propri creditori, ha comprovate e concrete possibilità di eliminare le cause della difficoltà per la natura specifica della crisi.
  • CRISI NON SANABILE quando il ciclo di vita del prodotto, dell’impresa o dell’intero settore, sono, come si definisce nell’economia aziendale, in una fase di declino o del tutto declinata, oppure quando l’indebolimento dell’impresa legato alla crisi si è protratto per troppo tempo o, infine, quando non vi è possibilità di riconvertire utilmente le proprie competenze. Alla crisi non sanabile consegue quasi sempre lo «stato di insolvenza»

A norma dell’articolo 1, della citata legge fallimentare, sono soggetti alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo tutti gli imprenditori che esercitano una attività commerciale; invece, oltre gli enti pubblici, sono esclusi coloro che contestualmente: Nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, hanno avuto un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila;
In qualunque modo risulti nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell'istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, abbiano realizzato ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila; Abbiano un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila.

La legge fallimentare , per l’ennesima volta, è stata incisivamente modificata da ultimo dal d.l. n. 83/2015, convertito in l. 6 agosto 2015, n. 132. Il disegno complessivo alla base della disciplina per come delineata nella stagione 2005-2006 è stato definitivamente stravolto; e così nuovi elementi, anche interessanti, si affastellano confusamente all’interno di una disciplina già frammentaria ed incerta. Si consegna all’interprete, in definitiva, un quadro incerto, in cui ormai si confondono le linee guida della risposta legislativa alle crisi di impresa, che oscillano tra l’intervento pubblico ed il rispetto dell’autonomia privata senza una chiara scelta. Vengono, in tal modo, ad essere rimessi in gioco anche i meditati e faticosi approdi giurisprudenziali della Suprema Corte.

Tra le principali novità della nuova legge fallimentare:

  • si sostituisce il termine fallimento con l’espressione “liquidazione giudiziale” in conformità a quanto avviene in altri Paesi europei, come la Francia o la Spagna, al fine di evitare il discredito sociale anche personale che anche storicamente si accompagna alla parola “fallito”;
  • si introduce un sistema di allerta teoricamnte  finalizzato a consentire la pronta emersione della crisi, nella prospettiva del risanamento dell’impresa e comunque del più elevato soddisfacimento dei creditori;
  • si dà priorità, almeno teorica,  di trattazione alle proposte che comportino il superamento della crisi assicurando continuità aziendale;
  • si privilegiano, tra gli strumenti di gestione delle crisi e dell’insolvenza, le procedure alternative a quelle dell’esecuzione giudiziale;
  • si uniforma e si semplifica la disciplina dei diversi riti speciali previsti dalle disposizioni in materia concorsuale;
  • si prevede la teorica riduzione della durata e dei costi delle procedure concorsuali;
  • si istituisce presso il Ministero della giustizia un albo dei soggetti destinati a svolgere su incarico del tribunale funzioni di gestione o di controllo nell’ambito di procedure concorsuali, con l’indicazione dei requisiti di professionalità esperienza e indipendenza necessari all’iscrizione;
  • si armonizzano le procedure di gestione della crisi e dell’insolvenza del datore di lavoro con forme di tutela dell’occupazione e del reddito di lavoratori.