Area di Attività

Ristrutturazione



La crisi d’impresa è un momento fisiologico che una società che dura decenni, prima o poi, e magari più volte, si trova ad affrontare. L’imprenditore, talvolta, ha difficoltà ad ammettere quello che sta succedendo, poiché tende a sentirsi colpevole e a non comprendere tale fisiologicità. Lo studio Arrighi ha collaborato a risolvere alcune delle più grandi crisi d’impresa sul territorio italiano, e ha saputo mettere a disposizione della piccola e media impresa l’esperienza accumulata su imprese quotate o comunque su grossi gruppi d’interesse nazionale. Il risanamento di un’impresa necessita di trattative con le banche, trattative con i sindacati, trattative con i fornitori e talvolta confronto con il tribunale, poiché alcune procedure concorsuali possono consentire un risanamento più veloce o un minor livello di rischio per gli interessi coinvolti. In fase di risanamento, l’imprenditore resta il fulcro dell’attività della sua azienda, ma trova una nuova complessità che, da solo, non é in grado di risolvere nel modo più efficace. Il quadro normativo che vede un’azienda in crisi, è spesso diverso da quello che l’impresa vedeva quando “le cose andavano bene”. La legge fallimentare, che può costituire un’opportunità, diventa una spada di Damocle, che minaccia la testa dell’imprenditore. Intraprendere le azione giuste in ritardo può vanificare la loro utilità. La crisi di impresa, per una persona giuridica, può essere assimilata alla malattia per una persona fisica. Se è vero che tutte le persone prima o poi si ammalano, è anche vero che quando questo succede, e se hanno bisogno di un buon medico. Il medico, da solo, non può guarire il paziente; ma il paziente guidato bene può risolvere il proprio problema di salute prima che possa degenerare in qualcosa di più grave. Il medico dell’impresa è il professionista. Il consulente aziendale capace riesce a interpretare la crisi nell’ottica della sua complessità, salvaguardando il valore per il soggetto economico e per il sistema degli interlocutori sociali e in genere. Spesso, si tratta di mettere in salvo una parte del patrimonio per consentire la prosecuzione dell’impresa o la massima soddisfazione dei creditori impedendo azioni individuali che, di fatto, non consentirebbero all’impresa di essere risanata e avrebbe un costo sociale inaccettabile.


Ma c’è di più, esattamente come esiste la prevenzione in sanità, è possibile ristrutturare un’impresa molto prima che la crisi si verifichi. È spesso possibile porre in essere una serie di operazioni di tipo istituzionale, quali fusioni, scissioni, operazioni di ricerca di nuova finanza agevolata o ricorsi al mercato dei capitali attraverso cui consentire all’impresa una crescita sostenibile ed evitare la realizzazione di uno stato di crisi. Questa è la nostra capacità distintiva rispetto ad altri professionisti. La nostra squadra è in grado di aiutare l’imprenditore ad anticipare gli eventi e di porre in essere le operazioni di ristrutturazione prima che la loro necessità si manifesti come un problema in quando ancora si tratta di un’opportunità.

Abbiamo partecipato ad alcuni dei più importanti processi di risanamento e ristrutturazione aziendale in Italia.

Non immaginavamo nemmeno di avere capacità attrattiva per gruppi quotati in borsa, dal nostro studio a Capiago Intimiano, vicino a Cantù, in provincia di Como. Invece lavorando sulle nostre competenze distintive con studi e approfondimenti siamo arrivati a imporci a livello Nazionale. Abbiamo aperto un secondo ufficio a Milano in Piazza Belgioioso 2, in uno spazio messo a disposizione Il Giornale della Finanza  con cui collaboriamo e  La Compagnia Finanziaria.

I riconoscimenti sono arrivati e ci hanno fatto piacere, ma sopratutto quello che ci ha dato la soddisfazione più grande è stata salvare migliaia di posti di lavoro, proporre al mercato un profilo etico dell’impresa, dimostrare a tanti imprenditori che si può generare reddito senza partecipare al sistema della mediocrazia.

Abbiamo conservato il legame con il territorio, quell’eccellenza artigianale tipicamente Brianzola che ci ha resi famosi, ma abbiamo concentrato il nostro processo formativo sulla capacità degli imprenditori di innovare repentinamente la propria forma imprenditoriale ai cambiamenti del sistema restando quantunque legati alla propria tradizione.

A Como abbiamo contribuito a fondare l’associazione oncologica  “Tra Capo e Collo” , di cui Alessandro Arrighi è tuttora tesoriere nella convinzione che al territorio e alla comunità si debba rendere un po’ di quello che ci è dato. Al nostro territorio, a Como, a Cantù e a Milano, non abbiamo reso fama, un po’ snobbati dai media come siamo sempre strati,  ma valore economico del sistema delle imprese.